Personale Docente

Lisa Maccatrozzo

Professore associato confermato

VET/01

Indirizzo: VIALE DELL'UNIVERSITÀ, 16 - LEGNARO PD . . .

Telefono: 0498272589

Fax: 0498272604

E-mail: lisa.maccatrozzo@unipd.it

  • Il Mercoledi' dalle 12:00 alle 13:00
    presso Agripolis 3° stecca 1° piano Dipartimento di Biomedicina Comparata e Alimentazione
    Previo appuntamento telefonico 049 8272589 o via mail lisa.maccatrozzo@unipd.it

1. Percorso formativo e professionale
Laureata in Scienze Bilogiche nel 1998 presso l'Università degli Studi di Padova, Ricercatrice in Anatomia degli Animali domestici dal 2005, Professore associato (SSD VET/01) da maggio 2015.
2. Attività scientifica
Dal periodo postlaurea presso il laboratorio di Genetica del Dipartimento di Biologia ad oggi si è occupata principalmente di genetica e di biologia molecolare, dallo studio della genetica di popolazione alla caratterizzazione di alcuni geni e studio della loro espressione in diversi organismi quali: invertebrati marini, pesci teleostei, alcuni mammiferi di interesse, veterinario quali suino, bovino e cane, e nell'ultimo periodo, anche uomo.
3. Attività didattica
"Anatomia Veterinazia" 6 CFU Corso di Laurea Triennale in Sicurezza Igienico Sanitaria deglia Alimenti
4. Attività gestionale in organi/organismi universitari
Commissione didattica del Corso di Laurea Triennale in Sicurezza Igienico Sanitaria deglia Alimenti
Giunta di Dipartimento di Biomedicina Comparata e Alimentazione

Pubblicazioni scientifiche recenti:
Patruno M. et al. (2006). Comparative Biochemistry and Physiolog Part B, Biochemistry & Molecular Biology 144, 137-151.
Maccatrozzo L. et al.(2007) Genomics. 89, 224–236.
Poltronieri C. et al. (2007) European Journal of Histochemistry 51, 125-135.
Toniolo L. et al. (2007) AJP: Cell Physiology 292: C1915-C1926.
Patruno M., et al. (2008) Myostatin shows a specific expression pattern in pig skeletal and extraocular muscles during pre- and post-natal growth. Differentiation 76, 168-181.
Patruno M. et al. (2008) Real-time polymerase chain reaction, in situ hybridization and immunohistochemical localization of insulin-like growth factor-I and myostatin during development of Dicentrarchus labrax (Pisces: Osteichthyes). Cell And Tissue Research 331, 643-658.
Mascarello F. et al. (2008) Proteins involved in calcium homeostasis expressed in horse cardiomyocytes. Veterinary Research Communications 32(Suppl 1), S159-S162.
Toniolo L. et al. (2008) Masticatory myosin unveiled: first determination of contractile parameters of muscle fibers from carnivore jaw muscles. American Journal of Physiology. Cell Physiology 295 (6), 1535-1542.
Mascarello F. et al. (2009) Phenotypic expression of 2b myosin heavy chain isoform: a comparative study among species and different muscles. Veterinary Research Communications 33(Suppl 1), 105-107.
Martinello T. et al. (2010) Cryopreservation does not affect the stem characteristics of multipotent cells isolated from equine peripheral blood. Tissue Eng Part C Methods 16 (4), 771-781.
Martinello T. et al. (2011) Canine adipose-derived-mesenchymal stem cells do not lose stem features after a long-term cryopreservation. Research in Veterinary Science 91(1), 18-24.
Sacchetto R. et al. (2012) Overexpression of histidine-rich calcium binding protein in equine ventricular myocardium. Vet J 193(1):157-61.
Martinello T. et al. (2012) Successful recellularization of human tendon scaffolds using adipose-derived mesenchymal stem cells and collagen gel. J Tissue Eng Regen Med. In press doi: 10.1002/term.1557.
Nadjar-Boger E. et al. (2013) Genomic cloning and promoter functional analysis of myostatin-2 in shi drum, Umbrina cirrosa: conservation of muscle-specific promoter activity. Comp Biochem Physiol B Biochem Mol Biol 164(2):99-110.
La Rovere R. M., Quattrocelli M., Pietrangelo T., Di Filippo E. S., Maccatrozzo L., Cassano M., Mascarello F., Barthélémy I., Blot S., Sampaolesi M., Fulle S. (2014) Myogenic potential of canine craniofacial satellite cells. Frontiers in Aging Neuroscience 6, 90.
Boscolo Papo M., Maccatrozzo L., Bertotto D., Pascoli F., Negrato E., Poltronieri C., Binato G., Gallina A., Radaelli G. (2014) Expression of CYP4 and GSTr genes in Venerupis philippinarum exposed to benzo(a)pyrene. Annals of Anatomy 196 (4), 241-6.
Martinello T, Bronzini I, Volpin A, Vindigni V, Maccatrozzo L, Caporale G, Bassetto F, Patruno M. (2014) Successful recellularization of human tendon scaffolds using adipose-derived mesenchymal stem cells and collagene gel. Journal of Tissue Engineering and Regenerative Medicine 8 (8), 612-9.

- Isolamento di geni codificanti alcuni fattori di crescita appartenenti alla famiglia delle IgF (I e II) e alle IgF-binding proteins in due specie di pesci teleostei marini, Sparus aurata e Umbrina cirrosa, e di studiarne l’espressione genica in diversi tessuti attraverso la produzione di sonde specifiche ad RNA per reazioni di ibridazioni in situ su sezioni di tessuti congelati o inclusi in paraffina. Ha esteso inoltre lo studio dell’espressione attraverso tecniche di istochimica e immunoistochimica su preparati inclusi in paraffina

- Studio dell’espressione genica delle diverse isoforme della catena pesante della miosina (slow, 2A, 2B, 2X, alpha-cardiaca, neonatale, embrionale, ed extraoculare) in diversi muscoli a differente composizione in tipi di fibre di mammiferi di particolare interesse veterinario, quali suino, bovino e cane, e nell'uomo, attraverso le tecniche molecolari a partire dall’estrazione dell’RNA totale (PCR, ibridazione in situ), tecniche di immunistochimica e di PCR qualitativa (RT-PCR) e quantitativa (RealTime PCR)

- Studio dell'espressione qualitativa e quantitativa di fattori di crescita miogenici MRFs, tra i quali MyoD, Myf5 MRF4, MSTN, Pax7, CD34, in feti e durante le fasi di sviluppo postnatale, nella specie suina. Localizzazione cellulare di questi fattori medianti ibridazione in situ e allestimento di colture cellulari primarie da tessuto muscolare


- Studio della pseudomiotonia congenita del bovino di razza Chianina come modello sperimentale per lo studio della patogenesi della malattia umana di Brody. La mutazione nel gene ATP2A1 che codifica per la proteina SERCA1, è stata indicata come causa della patologia